sfondo_short6_nero

Notizie dal Festival


  • 22 marzo 2016

Ca’ Foscari Short Film Festival 2016: un successo senza precedenti

CA’ FOSCARI SHORT FILM FESTIVAL 2016:

UN SUCCESSO SENZA PRECEDENTI

La sesta edizione del Ca’ Foscari Short Film Festival che si è svolta dal 16 al 19 marzo all’Auditorium Santa Margherita di Venezia, si è conclusa sabato con una spettacolare cerimonia di chiusura che ha visto incoronare il documentario spagnolo La silla de la vida (The Chair of Life) di Carlos Valle come miglior film del Concorso Internazionale.

L’edizione 2016 ha riscosso un successo senza precedenti, facendo registrare circa 5.000 ingressi complessivi nelle quattro giornate di Festival: quasi il 50% in più rispetto all’edizione del 2015. I picchi maggiori sono stati toccati in occasione delle proiezioni dei cortometraggi del Concorso Internazionale, durante le quali la platea è sempre stata completamente riempita, e per la cerimonia di chiusura che ha fatto registrare il tutto esaurito nell’intero Auditorium, con una capienza che tocca quasi i 250 posti a sedere. Quella del 2016 è stata l’edizione dei record anche per quanto riguarda il Concorso Internazionale, nel quale erano rappresentati ben 27 paesi, molti dei quali presenti per la prima volta, per cortometraggi provenienti da 28 scuole di cinema differenti. Inoltre, ben 12 sono stati i lavori realizzati da registe donne, toccando così quasi il 50% del totale.

A testimoniare il grande valore che oramai il Festival riveste all’interno delle attività dell’Università Ca’ Foscari è stata la presenza del Rettore dell’Università Michele Bugliesi che, nonostante i numerosi impegni, è voluto essere presente alla cerimonia di chiusura del Festival, per salutare il pubblico e gli studenti all’inizio della serata, consegnare, insieme al giurato Girish Kasaravalli, il riconoscimento principale del Festival, il Primo premio del Concorso internazionale e assistere, entusiasta come tutti, della performance della ballerina Roberta Pennisi organizzata come primo spettacolo della serata, a cui è seguita la non meno appassionante dimostrazione di wushu dell’artista marziale cinese Xu Baolong, resa possibile grazie alla collaborazione dell’Istituto Confucio di Venezia.

Oltre a tutti i vincitori presenti alla cerimonia che sono saliti sul palco a ritirare i loro premi, i registi che non sono potuti essere presenti non hanno voluto comunque mancare di ringraziare lo Short inviando dei video-messaggi che sono stati proiettati durante la cerimonia di premiazione. In particolare il regista Carlos Valle, visibilmente emozionato, dopo i ringraziamenti ai giurati e agli organizzatori del Festival, ha concluso dedicando teneramente la vittoria alle due anziane donne protagoniste del suo documentario, Carmen e Maria. Il regista austriaco Bernhard Wenger, autore dell’altro documentario premiato, Keeping Balance, si è invece detto particolarmente felice del Premio Levi da lui ricevuto per la miglior colonna sonora, poiché il sonoro è uno degli aspetti del suo corto di cui è più orgoglioso, ma che purtroppo viene spesso fatto passare in secondo piano.

Il Ca’ Foscari Short Film Festival archivia così la sua sesta edizione superando anche le più rosee aspettative e ripromettendosi di crescere ancora di più in vista di quella del 2017.

Loading